Consulente web marketing per Pmi

Come tutte le imprese anche le Pmi (Piccole e Medie Imprese) in Italia, cominciano a rendersi conto dell’importanza del digitale per la promozione dei loro prodotti e/o servizi.

Ma, ancora, non tutti conoscono i vantaggi che un consulente, un professionista, può offrire in termini di capacità e abilità nel riconoscere gli obiettivi raggiungibili, misurare le performance ed il rendimento di determinate campagne, ottenere il massimo dagli investimenti in pubblicità

Rendere visibili nel mercato internazionale, globale, i  prodotti delle stesse imprese permetterebbe -agli imprenditori- di ampliare a dismisura il mercato dei loro potenziali acquirenti e, di conseguenza, se i prodotti proposti rispecchiassero le aspettative dei loro potenziali clienti, si raggiungerebbe l’obiettivo di ampliare le vendite, e quindi i ricavi.

Naturalmente non è sufficiente creare una pagina Facebook nella quale pubblicizzare i prodotti e/o servizi offerti, infatti, anche se la pagina può essere utile all’interno di una strategia di marketing, da sola e senza un minimo di investimenti promozionali quali -ad esempio- un sito web, un marketplace (sito web e-commerce od altro), promozioni ad hoc su un target mirato anche sui  social network … ecc… ecc..

 

la pagina Facebook da sola, spesso, a poco serve.

Un approccio strategico alla promozione ed alla vendita di prodotti nel mercato internazionale, infatti, richiedono competenze e conoscenze di mercati e strumenti che non sono esattamente quel che viene richiesto ad un imprenditore proprietario di una Pmi al quale -il più delle volte- si richiedono competenze di altro tipo (gestire al meglio l’organizzazione e creare un buon prodotto da vendere a clienti disposti a comprarlo)

Per questo affidarsi a consulenti che conoscono il mercato, sanno sviluppare gli strumenti e analizzare le dinamiche di vendita, oltre che, naturalmente, utilizzare la rete internet al meglio delle sue potenzialità, è un ottimo consiglio (anche se interessato) 🙂

Un imprenditore avveduto non è un imprenditore che sa di tutto un po’, ma, al contrario, è un imprenditore che focalizza la sua attenzione  sul business, con l’obiettivo di farlo crescere e, per farlo, si affida a competenti professionisti che sono pagati con lo scopo di aiutarlo a raggiungere l’obiettivo.

L’Italia è la terra nella quale le capacità degli imprenditori, soprattutto piccoli, sono sempre state importanti, infatti hanno permesso agli stessi di avere il successo che meritavano.

Ma da qualche anno il mercato e i consumatori si sono evoluti e le logiche che dominavano il commercio alcuni anni fa sono state spazzate via, facciamocene una ragione.

Oggi la gente anche nel mercato business 2 business si affida ad internet anche se non ha intenzione di comprare i prodotti subito, per saperne qualcosa in più, lo stesso le imprese  per comprendere quali possano essere i costi in paesi differenti, i competitors, l’innovazione  di questi ultimi ecc… ecc…

L’Italia ha, in questo campo, a parte qualche eccezione, concorrenti (per mille ragioni prime tra tutte le enormi tasse ) molto più competitivi, c’è poco da fare.

Quello che si può fare  è rendere visibili al mercato internazionale tutti quei prodotti (ed il nostro paese ne ha tanti) che non sono replicabili  –se non in maniera goffa, da altri- e farlo bypassando gli intermediari ed arrivando direttamente al consumatore finale, può essere una ottima soluzione.

Naturalmente per arrivare a questi possibili clienti, in questi mercati internazionali, è necessario investire, che non vuol dire altro che credere che il prodotto che si vende possa essere apprezzato da una platea di prospect in giro per il mondo.

Investendo in promozione dei prodotti, visibilità del marchio, essendo sempre pronti a migliorare prodotti e servizi offerti ed ascoltando le critiche positive e negative dei clienti che il prodotto lo hanno provato ….

… facendo tutto ciò si rientrerebbe presto con i costi  e -avendo una platea di possibili clienti 10, 100 volte più grande di quella attuale- anche si potrebbe anche guadagnare bene.

Ma quel che si deve imparare a fare (tra gli imprenditori)  è delegare affidando a chi a le competenze il giusto budget ed il giusto compenso per aiutare le imprese, gli imprenditori ed il territorio a crescere

Cheers:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *